La sensitiva Mademoiselle Lenormand (1768-1843) è stata consacrata come la più famosa cartomante dello scenario francese, a cavallo fra il XVIII e il XIX secolo. Conosciuta anche come Sibilla della corte francese, per le sue predizioni si serviva appunto delle carte francesi.

Le Sibylle des Salons

Autrice di numerosi diari e testi sulla cartomanzia purtroppo andati perduti, Mademoiselle Lenormand elaborò un mazzo di 56 carte, le famose Sibylle des Salons, che alla sua morte fu soggetto a numerose modifiche.

Nel 1828 troviamo una prima pubblicazione, ad opera del produttore Mansion: le Sybylle di Mansion. Ogni carta del mazzo, composto da 52 carte, riportava il seme delle carte francesi in alto a destra. Al centro, invece, era raffigurato un personaggio, a cui veniva attribuito uno specifico significato.

Nel 1840 vi fu un ulteriore rielaborazione del mazzo, ad opera della ditta parigina Grimaud: le figure vennero ridisegnate dal celebre illustratore Grandville.

Nel 1850 il mazzo delle Sibylle Des Salons fu stravolto completamente, sempre ad opera della ditta Grimaud. Le carte del mazzo, denominato Le Livre du Destin, furono ridotte a 32. Anche le figure furono modificate, e di conseguenza il loro significato, rompendo il legame con le vecchie carte.

Successivamente, vi furono ulteriori versioni di questo mazzo, tra cui:

  • Le petit Cartomancién, in cui sul dorso delle carte era annotato, per la prima volta, il significato di ogni carta.
  • Il Grand Jeu de Societé de M.lle Lenormand, un mazzo di 56 carte con un contenuto iconografico estremamente differente dai precedenti, che presentava scene di paesaggi e spunti di vita quotidiana.
  • Le Petit Lenormand , dette anche le sibille dell’amore.

Le Petit Lenormand

Questo è il mazzo più diffuso nel filone della cartomanzia, e soprattutto è quello maggiormente utilizzato nelle consultazioni d’amore.

Le Sibille, composte da 36 carte, si compongono di due figure principali: la dama e il gentil uomo. Le altre carte descrivono informazioni inerenti ai movimenti, ai pensieri e alle intenzioni delle figure citate.

Le carte sono distinte in 4 semi:

  • Fiori – corrispondono ai bastoni, e quindi alle questioni pratiche.
  • Picche – corrispondono alle spade, e indicano i pensieri.
  • Cuori – corrispondono alle coppe e si riferiscono al mondo degli affetti e dei sentimenti.
  • Quadri – corrispondono ai denari e quindi rappresentano le risorse finanziarie.

Le carte si dividono in 4 tipologie:

  • Carte figurative – aggiungono particolari descrittivi alla lettura.
  • Carte di azione – indicano l’azione necessaria da compiere.
  • Carte di atmosfera – descrivono lo sfondo umorale del contesto.
  • Carte temporali – raccontano ciò che succederà.

Le carte che compongono il mazzo sono:

1. Cavaliere
2. Quadrifoglio
3. Battello
4. Casa
5. Albero
6. Nuvole
7. Serpente
8. Bara
9. Bouquet
10. Falce
11. Scopa e Frusta
12. Uccelli
13. Fanciullo
14. Volpe
15. Orso
16. Stelle
17. Cicogne
18. Cane
19. Torre
20. Giardino
21. Montagna
22. Sentiero
23. Topi
24. Cuore
25. Anello
26. Diario
27. Lettera
28. Gentiluomo
29. Dama
30. Giglio
31. Sole
32. Luna
33. Chiave
34. Pesci
35. Ancora
36. Croce

Nel corso del tempo le Sibille hanno subito diverse modifiche e, pur mantenendo il nome della cartomante, si sono staccate completamente dal mazzo di carte originario.

Le Sibille italiane

Le più famose versioni Italiane delle sibille sono:

  • L’antica sibilla italiana: tra i mazzi è quello più misterioso e di difficile interpretazione. Il mazzo è costituito da 32 carte, ognuna contenente sul bordo inferiore uno specifico messaggio. Queste Sibille sono giunte a noi, nel formato attuale, grazie a Tiberio Gonar.
  • La vera sibilla italiana: il mazzo è composto da 52 carte. Ogni carta ha una particolare raffigurazione, il seme collocato in alto a sinistra e una numerazione che va dal numero 1 al numero 13.
    Ciascuna carta è identificata da un nome, definito sentenza. Sul dorso di alcune delle carte vi è impressa una didascalia, con il significato della carta; in basso a sinistra vi sono 2 numeri definiti numeri fortunati.
    In alcuni mazzi, compare una carta bianca utilizzabile come carta di riserva. Ii semi sono: fiori, picche cuori e quadri.Le carte che vanno da 1 a 10 descrivono la situazione. Le altre sono carte di corte, ovvero i fanti, le regine, ed i Re; queste identificano persone fisiche.
  • La sibilla della zingara: il mazzo è totalmente ispirato al Grand Jeu de Societé de M.lle Lenormand. Questo è composto da 52 carte con illustrazioni riguardanti scene di vita quotidiana, spiegate da un titolo definito sentenza. In ogni carta sono impressi un numero in alto a sinistra, che indica il valore, e una lettera che corrisponde al seme.

Nonostante le differenti rielaborazioni (32, 52 e 56 carte), i mazzi delle Sibille, conosciute anche come carte chiacchierine, mantengono alcuni aspetti in comune:

Si distinguono 4 semi ognuno dei quali presenta un significato.

  • Fiori: simboleggiano il desiderio, ovvero gli eventi positivi che riguardano la forza creativa;
  • Quadri: indicano la sfera della concretezza, ovvero affari e gli interessi economici;
  • Cuori: indicano le emozioni i sentimenti e gli affetti, e sono collegati all’idea di abbondanza e fertilità;
  • Picche: indicano l’intelletto e descrivono le difficoltà.

Le differenti edizioni delle Sibille differiscono per il numero di carte e per i significati.